Morta Piper Laurie, star di ‘Carrie – Lo sguardo di Satana’

0
110
morta-piper-laurie,-star-di-‘carrie-–-lo-sguardo-di-satana’

Addio a Piper Laurie, la fanatica religiosa mamma di Carrie nel movie Lo sguardo di Satana. Candidata all’Oscar, oltre che per quel movie, per le sue interpretazioni in Lo spaccone e Figli di un dio minore, è morta sabato nella sua casa di a Los Angeles, all’età di 91 anni.

Rosetta Jacobs, questo il suo vero nome, period nata il 22 gennaio 1932 a Detroit. Con il nome di Piper Laurie fece il suo debutto cinematografico in Amo Luisa disperatamente (1950), una commedia diretta da Alexander Corridor in cui recitò accanto a Ronald Reagan.

Il suo primo ruolo di rilievo al fianco di Paul Newman nel movie Lo spaccone (1961), diretto da Robert Rossen, che le valse la sua prima nomination all’Oscar nella categoria Miglior Attrice Protagonista. La sua seconda candidatura all’Oscar venne grazie alla sua notevole interpretazione di Margaret White, madre fanatica religiosa di Sissy Spacek, nel celebre thriller Carrie – Lo sguardo di Satana (1976), diretto da Brian De Palma. La terza nomination all’Oscar arrivò per il suo ruolo in Figli di un dio minore (1986), diretto da Randa Haines, in cui interpretò la madre di Marlee Matlin.

Nel corso della sua carriera, Piper Laurie recitò accanto al giovane Mel Gibson in Tim – Un uomo da odiare (1979), diretto da Michael Pate, e apparve in diversi altri movie, tra cui I soldi degli altri (1991) di Norman Jewison, Il mistero di Storyville (1992) di Mark Frost e Trauma (1993) di Dario Argento.

A metà degli anni Ottanta, dopo tre decenni di carriera nel cinema, Piper Laurie intensificò le sue apparizioni in televisione, recitando in sceneggiati televisivi e serie televisive. Dopo aver fatto delle apparizioni come ospite in serie come La signora in giallo e Ai confini della realtà, l’attrice ottenne un Emmy Award per la sua interpretazione in La promessa (1986). Prese anche parte alla serie I segreti di Twin Peaks (1990-1991) di David Lynch, in cui interpretò due ruoli distinti: inizialmente come la cinica Catherine Martell della Packard Sawmill e successivamente, per la seconda stagione, fu richiamata dal regista per interpretare Martell travestita da uomo.

L’attrice, nota per la sua vasta filmografia, ha partecipato a numerose produzioni televisive recenti. Dopo aver interpretato il ruolo della madre del dottor Ross (George Clooney) nella serie E.R. – Medici in prima linea e quello di un personaggio malvagio in Regulation & Order, ha fatto una comparsa come guest-star in Will & Grace.

Nel suo libro autobiografico del 2011, intitolato Studying to Stay Out Loud (“Imparare a vivere advert alta voce”) Piper Laurie ha rivelato di aver perso la verginità con Ronald Reagan e di essere andata a letto con Mel Gibson quando aveva il doppio della sua età. Laurie ha spiegato che l’ispirazione per scrivere il libro è derivata dalla necessità di condividere i segreti che aveva custodito a lungo, dichiarando in un’intervista: “La mia vita period intrisa di segreti e portarli con me period diventato un peso”.

Il suo ultimo ruolo cinematografico è stato in Cocaine – La vera storia di White Boy Rick (2018), in cui ha interpretato il personaggio della nonna di un adolescente che nella vita reale è diventato informatore dell’FBI e successivamente spacciatore. Nel solid del movie figurano anche Matthew McConaughey, Jennifer Jason Leigh e Rory Cochrane.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here