Child Okay ferita dopo il concerto a Teramo. Critiche alla polizia

0
154
child-okay-ferita-dopo-il-concerto-a-teramo.-critiche-alla-polizia

Child Okay, pseudonimo della rapper italiana Claudia Judith Nahum, ferita dopo il concerto a Teramo. “Sono andata in ospedale, devo cancellare i prossimi present”. La cantante è stata ferita dopo un concerto lampo, durato una ventina di minuti e cominciato con un’ora e mezza di ritardo, al parco fluviale di Teramo. La vicenda, raccontata sui social dall’artista e ripresa dai media locali è avvenuta venerdì 28: al termine dell’esibizione, nella calca, tra le persone che chiedevano foto e selfie, una donna l’avrebbe colpita con violenza, provocandole un trauma al seno. E la rapper attacca la polizia: “Che è li proprio per mantenere e gestire l’ordine e invece ha fatto il contrario”.

123240384 096cebd7 60bc 408f b25e 54cc6756c6d6 - Child Okay ferita dopo il concerto a Teramo. Critiche alla polizia

“Le forze dell’ordine – racconta Child Okay, famosa per il singolo Roma-Bangkok realizzato con Giusy Ferreri e che ha venduto oltre 500.000 copie nel Paese nel 2015 –  hanno aperto le transenne in un terreno con dei dislivelli dove io continuavo a cadere. Si è creata una story calca, avevo bambini alle ginocchia e continuavo a ripetere che qualcuno poteva farsi male. Lì sono stata caricata da una donna, mi ha caricato in maniera così forte che ho subito un trauma al seno. Sono andata in ospedale. Sono nera: devo cancellare i prossimi present. Molti sono esteri e ho aspettato otto anni per fare questi present all’estero”.

“La mia – aggiunge – non è una lamentela relativa al fare le foto. Amo i bambini, amo le persone che mi vogliono bene. Ma c’è una cosa che sta sfuggendo di mano: non è possibile non mettere la sicurezza al primo posto e rischiare situazioni di follia e di grande pericolo per delle foto. Non è possibile che questa cosa non interessi a nessuno tranne che a me. Che siano le forze dell’ordine a creare questo caos è inaccettabile”, conclude Child Okay. Sui social, oltre a tanti commenti di solidarietà, non mancano le polemiche di chi critica l’artista e mette in dubbio che le cose siano andate davvero come da lei raccontato. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here