Raul Gardini, su Rai 1 la fiction sul sogno di un navigatore

0
88
raul-gardini,-su-rai-1-la-fiction-sul-sogno-di-un-navigatore

Dal varo del Moro di Venezia, l’11 marzo 1990, e dalla sfida per la conquista della Coppa America, fino al giorno del suicidio, tent’anni fa, il 23 luglio del 1993. Nell’anniversario della scomparsa dell’imprenditore ravennate Rai 1 manda in onda, questa sera, Raul Gardini, la docufiction diretta da Francesco Miccichè e interpretata da Fabrizio Bentivoglio e Pilar Fogliati, che ricostruisce la figura dell’uomo d’affari ravennate, i suoi legami con la famiglia e la terra, la sua visione del mondo, e insieme racconta un importante capitolo della storia del nostro Paese.

103306739 aff13631 dec2 4e1e 82fb 9cf2b36c63bd - Raul Gardini, su Rai 1 la fiction sul sogno di un navigatore

Bentivoglio con Pilar Fogliati

 

Tra materiale d’archivio, ricostruzioni e testimonianze inedite, la docufiction prende le mosse da un incontro di Gardini (Bentivoglio) con una giornalista (Fogliati) per un’intervista/confessione che ripercorre le vicende che hanno portato l’imprenditore alla ribalta internazionale. “La prima volta che mi è stato proposto il ruolo risale a una decina di anni fa, per un movie che poi, come spesso succede, non si è più fatto, lasciando in me, ma credo anche in lui, non contento già allora di essere stato dimenticato, un certo rimpianto”, racconta Bentivoglio.

103255828 f92e8a47 7190 4223 b815 518c108143db - Raul Gardini, su Rai 1 la fiction sul sogno di un navigatore
@P.BRUNI 

“Quindi, quando ho ricevuto la telefonata di Francesco Miccichè che mi parlava di questo progetto – cube ancora l’attore – non solo non ho fatto alcuna fatica nel sentirlo subito anche mio, ma ci siamo anche detti che avremmo diviso i compiti: il documentario avrebbe raccontato Gardini, l’uomo pubblico, l’industriale; il movie avrebbe raccontato Raul, l’uomo privato, il marito, il padre, l’amico e a cose fatte posso dire con certezza, anche per la rapidità con cui il tutto è stato girato, che questo Raul è sgorgato quasi malgrado me, autonomamente, come se avesse anche lui una certa fretta di uscire e di liberarmi da quella promessa fattagli più di dieci anni fa”.

103319934 43cdee4a 6e59 45c6 a4a8 dbbc8b6e708a - Raul Gardini, su Rai 1 la fiction sul sogno di un navigatore

Raul Gardini con Giulio Andreotti

 

Il regista ha scelto “il Moro e i sogni imprenditoriali” di Gardini come “chiave per raccontare un uomo che aveva davanti a sé sempre grandi obiettivi”. Fondamentale l’attenzione alle location: “Abbiamo girato alla Monaldina, la tenuta di campagna di famiglia – spiega Miccichè – dove Gardini ha trasferito i suoi uffici dopo il divorzio con i Ferruzzi e dove ancora oggi sono conservati intatti molti dei suoi preziosi arredi e abbiamo potuto accedere, grazie alla fiducia che ci hanno dimostrato i figli di Raul, a fotografie e oggetti personali. Grazie all’attuale proprietario, l’imprenditore Maurizio Vecchiola, abbiamo avuto l’opportunità di girare sul Moro 2, imbarcazione molto amata da Raul. Sul mitico Moro abbiamo realizzato scene in mare aperto. Abbiamo anche girato al circolo velico del porto di Marina di Ravenna, dove Gardini period socio, e alcune scene al Mausoleo di Teodorico e alla Basilica di San Vitale e Galla Placidia di Ravenna”.

103318236 76bbe08a 24bf 4f58 b2ae 3375573eab32 - Raul Gardini, su Rai 1 la fiction sul sogno di un navigatore
P.Bruni 

Particolare cura e attenzione anche ai costumi e agli oggetti di scena: “Un solo esempio – spiega ancora il regista – è la penna con cui Idina Gardini-Ferruzzi firmò il miliardario divorzio con i suoi fratelli. Quella stessa penna è stata usata sul set”.

Spazio alle testimonianze dei supervisor che sono stati accanto a Gardini, di Riccardo Muti, dei giornalisti che lo hanno conosciuto e al ricordo di Paul Cayard, timoniere del Moro di Venezia.

Per la direttrice di Rai Fiction, Maria Pia Ammirati, la docufiction “ripropone una personalità complessa come gli anni in cui ha vissuto e le contraddizioni di un imprenditore dalla visione strategica per approfondire l’avventura del Moro di Venezia e i difficili anni di Tangentopoli”, restituendo “l’energia di un sogno con la ricchezza dei materiali documentari, il grande lavoro d’interpretazione di Fabrizio Bentivoglio, la regia di Francesco Miccichè e il coordinamento editoriale di Giovanni Filippetto”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here