Cannes, il programma di oggi mercoledì 15 maggio. Léa Seydoux in commedia e l’incontro con Meryl Streep

0
7
cannes,-il-programma-di-oggi-mercoledi-15-maggio.-lea-seydoux-in-commedia-e-l’incontro-con-meryl-streep

CANNES – Una giornata all’insegna di due grandi dive. Prima fra tutti Meryl Streep che ieri sera ha ricevuto la Palma d’oro alla carriera dalle mani di Juliette Binoche, ha ringraziato l’agente e il parrucchiere, i registi con cui ha lavorato ma soprattutto il pubblico che in tutti questi anni di carriera “non si è mai stufato di me”.


Per attivare l’iscrizione alla e-newsletter The dreamers, dedicata al cinema e alle serie television, clicca qui


Oggi l’attrice, tre premi Oscar e ventuno nomination, tiene un Rendez – vous con il pubblico, uno di quegli appuntamenti affollatissimi in cui i divi si concedono advert aneddoti, curiosità, ricordi di una lunga carriera. Se poi si è stati capaci di avere in filmografia un movie drammatico come La scelta di Sophie (sull’Olocausto) e un musical scoppiettante come Mamma mia!, una commedia iconica come Il diavolo veste Prada e i movie d’impegno di Soderbergh (Panama Papers) o Spielberg (The submit). Ma come potremmo stufarci di lei?

103538889 9e1722e4 210d 4bca bdd2 21c5ef0b05b0 - Cannes, il programma di oggi mercoledì 15 maggio. Léa Seydoux in commedia e l’incontro con Meryl Streep
(reuters)

Oggi è anche il giorno di una diva francese, la trentottenne Léa Seydoux, ugualmente versatile protagonista di blockbuster americani (è stata Bondgirl ed è apparsa in Dune – parte 2), ma anche tanto cinema d’autore francese. Nel movie che ha inaugurato ieri sera il pageant, Le deuxième act (il secondo atto) Seydoux interpreta Flaurence una ragazza che si appresta a presentare il fidanzato al papà Vincent Lindon, ma le cose sono molto più complicate di così… Il movie di Quentin Dupieux una commedia surreale sul cinema, il confine tra realtà e finzione, il politicamente corretto, l’intelligenza artificiale è – come dicono i francesi – un mis en abyme, un gioco di scatole cinesi in cui non si sa mai quale è il piano della realtà e quello della finzione. Uscito contemporaneamente nelle sale francesi è un movie che provoca, fa ridere e anche un po’ riflettere.

Oggi però è anche il giorno del primo italiano al pageant. È il movie di Roberto Minervini I dannati, ambientato nell’inverno del 1862 nel pieno della guerra di Secessione americana. Segue una compagnia di volontari dell’esercito degli Stati Uniti inviata a presidiare le terre inesplorate dell’Ovest, una missione che travolge un pugno di uomini in armi, svelando loro il senso ultimo del proprio viaggio verso la frontiera. Il regista di Louisiana e Cosa fare quando il mondo è in fiamme? italiano di Fermo ma di stanza negli Stati Uniti dopo anni di cinema verità firma un movie di finzione che sarà nelle sale italiane già da domani.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here