Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale

0
28
eurovision-2024,-ecco-le-pagelle-della-prima-semifinale

Al through la prima semifinale dell’Eurovision Tune Contest 2024 dalla Malmö Area, in Svezia. In gara i rappresentanti di 15 paesi che verranno votati, oltre che dai telespettatori collegati “nel resto del mondo”, anche da quanti sono collegati da Germania, Regno Unito e Svezia, due dei Large 5, i paesi fondatori dell’Eurovision, e il vincitore dello scorso anno, i cui artisti si esibiranno come ospiti nel corso della serata. Giovedì toccherà poi di votare ai telespettatori di Italia, Francia e Spagna, i cui artisti si esibiranno come ospiti nella seconda semifinale. Ecco le pagelle degli artisti in gara.

1. Cipro, Silia Kapsis, Liar: voto 5

214234583 fd9d55f9 6112 4d3e b580 b100b196a8ae - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale

Una di quelle canzoni in cui il ritmo si è mangiato praticamente tutto il resto. A disegnare la melodia è rimasta solo la voce. Quel tipo di pezzi battenti che faranno faville in certe palestre o nelle sedute di acquagym. Non è un caso se la 17enne Silia Kapsis, australiana di origini cipriote, ha lavorato più come ballerina che come cantante.

2. Serbia, Teya Dora, Ramonda: voto 5

Scenografia ridotta al minimo di uno scoglio, voce potente per un pezzo malinconico ma ben interpretato, dallo scoglio nasce un fiore.

[[(gele.Finegil.Image2014v1) Eurovision, promossi e bocciati della prima semifinale_serbia]]

3. Lituania, Silvester Belt, Luktelk: voto 5

214239496 1feb6746 83de 471e b06b 15d5673a2496 - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale

Anche il brano del lituano Silvester Belt farà faville in palestra. Ballabile, molto ritmato ma con arrangiamento esile.

4. Irlanda, Bambie Thug, Doomsday Blue: voto 6

221507999 7a141026 d06b 41dc a822 360f22f6d593 - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Nonostante i riferimenti diabolici e le atmosfere da seduta spiritica, nonostante le urla disturbanti, il pezzo non è tra i peggiori tra quelli sentiti finora.

5. Ucraina, Al’ona Al’ona & Jerry Heil, Teresa & Maria: voto 5

215753110 e35476cc 4c30 4b27 b273 2c152f5db33c - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Un brano che inneggia a Madre Teresa e alla Vergine anche a tempo di rap, un brano dalla veste tradizionale e dal sapore nazionalista. Tra i candidati alla vittoria ma il meno internazionale tra quelli sentiti finora

6. Polonia, Luna, The Tower: voto 6

221459119 ab5d4eb6 074d 46a4 89e4 02ded1813155 - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale

Luna lo definisce cosmo pop, scenografia in tema scacchistico con torri e re rosso e nere, il pezzo si muove molto ma scorre through veloce e non lascia il segno.

7. Croazia, Child Lasagna, Rim Tim Tagi Dim: voto 5

215800553 895e74d1 9e42 44ef 9357 5646bf432e96 - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Pezzo difficilmente spiegabile, questo Rim Tim Tagi Dim di Child Lasagna dalla Croazia: veste arduous rock e cori anni Ottanta che si lasciano cantare in coro ma poi, giunto proprio a metà, il brano vira in modo del tutto imprevisto in una parentesi techno dance. Astruso.

8. Islanda, Hera Björk, Terrified of Heights: voto 7

221515072 eff881a7 6708 4f16 9489 ac02f996377a - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Un brano previous type ma di sicura presa internazionale e interpretato ottimamente. La cantante ha vinto il competition di Viña del mar. Nel suo paese è un’icona del movimento LGBTQ+ e ha cantato l’inno per il delight nel 2011.

9. Slovenia, Raiven, Veronika: voto 4

221522944 ebdb63ed 24c8 48e6 b115 ffb6f855cede - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Arpista, Raiven racconta una figura femminile controversa, un personaggio storico molto popolare in Slovenia accusata di stregoneria e condannata a morte. Coreografia coraggiosa e nude look, poi arriva l’urlo finale e crolla tutto.

10. Finlandia, Windows95man feat. Henri Piispanen, No Guidelines!: voto 3

Nome pronto per chat anonime, il cantante esordiente Windows95man dalla Finlandia, ovvero l’artista visivo e dj Teemu Keisteri, è davvero senza regole: il brano è poco più che un pretesto per presentarsi sul palco all’interno di un uovo che si schiude, lui ne esce con tanto di sandali e calzini corti, maglietta bianca e cappellino in tono, per il resto apparentemente nudo, o quanto meno in perizoma colour carne, almeno si spera.

11. Moldavia, Natalia Barbu, Within the Center: voto 6

223535000 33b0e3a7 a1f7 4249 90de 7b61e7bfdf72 - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Voce dal bel timbro, bella e potente, intonazione perfetta. Natalia Barbu suona anche il violino in un brano che, in perfetto stile eurovision, coniuga modernità e tradizione.

12. Azerbaigian, Fahree feat. ?lkin Dövl?tov, Özünl? apar: voto 6

223542518 d7ffea18 1df8 4729 afa3 fa3792ff63f4 - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

Tra le scenografie più suggestive in tema uomini dalle stelle, costumi futuristi rubati a Intestellar, il pezzo vagamente etnico specialmente nella parte cantata.

13. Australia, Electrical Fields, One Milkali (One Blood): voto 7

223555907 604a3b57 6175 455d a3b8 915ed7a6145f - Eurovision 2024, ecco le pagelle della prima semifinale
(reuters)

La band è nata dall’unione di due concorrenti della versione australiana di X issue. Suonano un elettro soul molto interessante: il cantante, Zaachariaha Fielding, è un aborigeno, canta anche nel movie Australia, voluto dal regista Baz Luhrmann. E’ anche uno stimato pittore. A un certo punto sul palco li raggiunge un aborigeno per suonare il didgeridoo, lo strumento tradizionale australiano.

14. Portogallo, Iolanda, Grito: voto 8

Brano molto bello e intenso. Anche qui modernità e tradizione, c’è persino un fondo di fado.

15. Lussemburgo, Tali, Fighter: voto 7

Dal Lussemburgo, Tali cantain francese con la produzione dell’italianissimo Dardust, lo stesso di Angelina Mango. Tali Golergant è una cantautrice e ballerina israeliana con cittadinanza lussemburghese ma è un concentrato di esperienze internazionali: per il lavoro del padre, ha vissuto in Cile e Argentina ed è cresciuta a New York.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here