“Variety Media Report”, la diversità raccontata dai media: cresce lo spazio ma il racconto è ancora poco maturo

0
23
“variety-media-report”,-la-diversita-raccontata-dai-media:-cresce-lo-spazio-ma-il-racconto-e-ancora-poco-maturo

Luci e ombre, segnali positivi e grandi passi ancora da compiere in tema di diversità nell’universo dei media. È questa la fotografia scattata dal Variety Media Report, ricerca annuale sulla rappresentazione inclusiva nei media italiani di informazione e intrattenimento condotta da Fondazione Variety con l’Osservatorio di Pavia, 2B Analysis, e un comitato scientifico proveniente da numerose Università italiane.

I tg

Per quanto riguarda i telegiornali, l’analisi si riferisce alle edizioni prime time dei 7 principali Tg italiani sulle reti generaliste dal primo gennaio al 31 dicembre 2023. Al capitolo informazione l’analisi registra che l’incidenza delle notizie aumenta al 35,5 per cento. L’altra faccia della medaglia è rappresentata da “una preoccupante staticità nelle aree disabilità” – ferma advert un 1,3 per cento – e nei temi Lgbtq+ o legati all’aspetto fisico che hanno una copertura vicina allo zero (0,5 per cento, 0,4 per cento).

Roma, catena umana sotto ambasciata russa per protestare contro persecuzione Lgbt+ e elezioni farsa

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - “Variety Media Report”, la diversità raccontata dai media: cresce lo spazio ma il racconto è ancora poco maturo

L’analisi delle notizie

Risulta poi, si legge ancora nel report, “particolarmente significativa l’analisi qualitativa delle notizie. Le tre variety più presenti sono anche quelle più generalmente utilizzate per descrivere le persone in casi di cronaca, anche quando non strettamente necessario, con un’inevitabile ricaduta sul perpetrarsi di stereotipi”.

Annalisa madrina del Roma Pleasure 2024: “Sinceramente orgogliosa”

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - “Variety Media Report”, la diversità raccontata dai media: cresce lo spazio ma il racconto è ancora poco maturo

Le guerre e il naufragio di Cutro hanno dato un impulso per quanto riguarda le notizie in tema di etnie. Sono stati i femminicidi di Giulia Tramontano, a giugno, e Giulia Cecchettin, a novembre, a segnare i picchi delle notizie di cronaca. Informazione, ma non solo.

Angelo Perrone al Lovers Movie Competition: “Così inventai un’intervista a Raffaella Carrà e lei mi assunse”

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - “Variety Media Report”, la diversità raccontata dai media: cresce lo spazio ma il racconto è ancora poco maturo

Le serie television

Notice destructive arrivano anche dalle serie television, in particolare le italiane che, rileva l’analisi “sono la categoria che ha registrato le peggiori efficiency come il livello di approfondimento del tema, la centralità della diversità nel prodotto, il livello di correttezza del linguaggio”.

‘Love membership’, la serie che racconta le notti della comunità lgbtq+

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - “Variety Media Report”, la diversità raccontata dai media: cresce lo spazio ma il racconto è ancora poco maturo

Il cinema

Spiragli di luce dal cinema, categoria in cui “manca quasi totalmente una riflessione sul corpo, e sul corpo grasso nello specifico, mentre l’attenzione al tema etnico è quasi sempre focalizzata sul racconto ‘emergenziale’ e spesso risente dello ‘sguardo bianco’ con il rischio di un’eccessiva romanticizzazione e scarso realismo di alcune narrazioni”.

Il lato positivo è invece rappresentato dal fatto che i movie hanno contribuito a diffondere tematiche di genere, razzismo, persecuzioni, omofobia e crimini d’odio.

Case rifugio lgbtq+, on-line la prima mappa con 43 strutture e 75 posti letto

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - “Variety Media Report”, la diversità raccontata dai media: cresce lo spazio ma il racconto è ancora poco maturo

Il Variety Media Awards 2024

A proposito di movie. Sono stati annunciati i movie in lizza per conquistare il Variety Media Awards 2024. In nomination ci sono: C’è ancora domani di Paola Cortellesi, Nata per te di Fabio Mollo, Io Capitano di Matteo Garrone, L’ultima volta che siamo stati bambini di Claudio Bisio, Mi fanno male i capelli di Roberta Torre e Stranizza d’amuri di Giuseppe Fiorello. La cerimonia si terrà il 28 maggio al Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here