Beatles: da Chistie’s all’asta un dipinto del 1966 firmato dai Fab 4

0
30
beatles:-da-chistie’s-all’asta-un-dipinto-del-1966-firmato-dai-fab-4

Un antico acquerello “senza titolo” ma firmatissimo. Un dipinto del 1966 realizzato da tutti e quattro i Beatles andrà all’asta da Christie’s a New York il prossimo primo febbraio con una stima tra 400 mila e 600 mila dollari.

114241527 2539302c cc03 4c70 9890 24feb04bba4f - Beatles: da Chistie’s all’asta un dipinto del 1966 firmato dai Fab 4

La pittura astratta fu eseguita durante la tournée a Tokyo ed è firmata al centro da John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr. Si tratta di un acrilico e acquerello su carta giapponese senza titolo, noto come Photographs of a lady, e verrà offerto durante una ‘distinctive sale’ che propone dei lotti eccezionali.

114237720 0b2d9749 f8f8 44e1 a426 12e909fdc233 - Beatles: da Chistie’s all’asta un dipinto del 1966 firmato dai Fab 4

Secondo il fotografo Robert Whitaker, che ha documentato il soggiorno dei Beatles nella capitale giapponese, il dipinto fu completato in due notti nella stanza 1005 dell’Hilton Lodge di Tokyo. Nella scheda critica nel catalogo di Christie’s si racconta che questa suite presidenziale fu una sorta di opulenta e lussuosa prigione dove i Fab 4 trascorsero gran parte delle 100 ore in Giappone dal 29 giugno al 3 luglio 1966. Per quasi tre anni i Beatles avevano suscitato fantastiche scene di adorazione ovunque fossero apparsi, in alcune situazioni addirittura pericolose. Le autorità giapponesi decisero di garantire la loro sicurezza con un grado di orgoglio che per i Beatles rasentava il fanatismo, ogni dettaglio delle loro giornate period curato al minuto.

114239256 92cf0fed 4f03 407e a78d 0ebbc9b15bbe - Beatles: da Chistie’s all’asta un dipinto del 1966 firmato dai Fab 4

I Beatles furono trasportati dall’resort alla Budokan Corridor, dove tennero cinque concerti, con un sistema di sicurezza ultra-rapido, senza rischiare assolutamente nulla. Allo stesso modo, si pensò generosamente a far sentire la band a proprio agio nella loro lussuosa suite d’albergo, in modo che non avessero voglia di andare da nessuna parte. In realtà, riuscirono a fare due grandi fughe. Paul McCartney uscì per una fugace occhiata mattutina al Palazzo Imperiale con Mal Evans e John Lennon si avventurò in alcune strade vicine con Neil Aspinall. Ma in realtà rimasero nella suite per la maggior parte delle 100 ore. I Beatles si guardarono intorno in cerca di cose da fare e le trovarono. Ricevettero tanti visitatori, molti dei quali portarono dei regali: uno di loro donò un set di materiali artistici che fu utilizzato per realizzare il dipinto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here