Raoul Bova: “L’inclusione è una battaglia di civiltà. Noi, vittime dell’ossessione di essere primi. La felicità? L’ho scoperta quando ho rischiato di perdere tutto”

0
25
raoul-bova:-“l’inclusione-e-una-battaglia-di-civilta-noi,-vittime-dell’ossessione-di-essere-primi.-la-felicita?-l’ho-scoperta-quando-ho-rischiato-di-perdere-tutto”
gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - Raoul Bova: “L’inclusione è una battaglia di civiltà. Noi, vittime dell’ossessione di essere primi. La felicità? L’ho scoperta quando ho rischiato di perdere tutto”
Maria Laura Antonelli (agf)

Dal 16 gennaio sarà un allenatore di campioni paralimpici in ‘I fantastici 5’, su Canale 5

3 minuti di lettura

ROMA – “La paura che abbiamo provato di perdere tutto, dal lavoro agli affetti più cari, mi ha spinto a cambiare il modo di affrontare la vita. Dopo la pandemia ho occhi nuovi, sono attratto dalle prospettive differenti”. È grazie anche a questo swap di spirito che Raoul Bova, 52 anni, ha indossato la tuta di Riccardo Bramanti, allenatore d’atletica di campioni disabili, nella serie television “I Fantastici 5”, in onda su Canale 5 dal 16 gennaio (coprodotta da Rti e Lux Vide): corridori-influencer e sportivi coccolati dagli sponsor metteranno a dura prova la sua pazienza.

Abbonati per leggere anche

I commenti dei lettori

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here