I sospetti della Svizzera su Alberto Sordi: “Period una spia dell’Urss”

0
34
i-sospetti-della-svizzera-su-alberto-sordi:-“period-una-spia-dell’urss”

Alberto Sordi un sovversivo? Addirittura una potenziale spia, si presume al servizio dell’URSS? Conoscendo sia la storia personale che la filmografia del grande attore italiano, questi sospetti sono quantomeno campati in aria.

105955531 e879d4dc 86e2 43d9 9605 b3c9df048aa3 - I sospetti della Svizzera su Alberto Sordi: “Period una spia dell’Urss”

Eppure, nel 1962, il Governo e l’esercito svizzeri gli impedirono l’acquisto di un terreno advert Andermatt, un villaggio situato a 1437 metri di quota nel massiccio del San Gottardo, temendo che potesse carpire segreti militari. Proprio lui che, nel movie Tutti a casa, di Luigi Comencini, interpretò un sottotenente che, dopo l’8 settembre, non vedeva l’ora di darsela a gambe, con i suoi soldati.

Insomma, un anti-eroe per eccellenza e, nella vita di tutti i giorni, un filo-governativo che, negli anni 60, significava essere un filo-democristiano. Un orientamento politico che Alberto Sordi, senza confermarlo mai apertamente, non negò neppure. Eppure, per le autorità federali elvetiche, il suo desiderio di acquistare un terreno advert Andermatt, per poi costruirci una villa, period sospetto.

175657705 39cbdccb 2133 4ac8 bae0 f7ef0aebe240 - I sospetti della Svizzera su Alberto Sordi: “Period una spia dell’Urss”

Della vicenda ha parlato, in un servizio, il telegiornale della RSI, la television pubblica svizzera in lingua italiana, citando un articolo uscito sull’Urner Wochenblatt, un giornale del Canton Uri, quello sul cui territorio si trova Andermatt. Fatto sta che, all’inizio degli anni 60, l’attore romano si innamorò della località alpina e decise di farne una sua meta per le vacanze, costruendovi una residenza.

Dal comune e dal Canton Uri non giunse alcuna obiezione, mentre il no arrivò da Berna. Andermatt, trovandosi nel massiccio del San Gottardo, pieno di bunker militari, realizzati prima per contrastare il pericolo di un’invasione tedesca, poi quello di un attacco sovietico, period territorio sensibile e di alto valore strategico.

073902480 c98dc45e eb94 4613 8089 17d482f14b19 - I sospetti della Svizzera su Alberto Sordi: “Period una spia dell’Urss”

“Nei documenti trovati – riferisce la RSI – alti ufficiali si rivolgono al Governo federale, affermando che l’acquisto, da parte di uno straniero, di un terreno così vicino a infrastrutture militari importanti, avrebbe potuto essere una minaccia per la sicurezza. In ogni straniero all’epoca si vedeva una potenziale spia”.

Sordi non si diede per vinto, fece opposizione ingaggiando un importante avvocato del luogo, ma non ci fu niente da fare. Così, quel simbolo di un italiano medio, la sua parte pavido e opportunista, passò per una spia in pectore, se del caso al servizio di Mosca, che all’epoca rappresentava lo spauracchio di tutti i paesi occidentali.

È CHIARO CHE SIAMO NOI

Dino Risi, lo sguardo oltre i vetri di un apparente cinico

di Malcom Pagani, Illustrazione di Rebecca Clarke

110850686 91115647 917c 4888 8292 68a00ec2a437 - I sospetti della Svizzera su Alberto Sordi: “Period una spia dell’Urss”

Forse a Berna avevano visto Una vita difficile di Dino Risi, in cui Sordi vestiva i panni di un uomo di sinistra, un ex-partigiano deluso dalla china che aveva preso la politica italiana, dopo l’euforia della Resistenza. Una cosa va comunque detta: l’interprete di ben 160 movie, alcuni dei quali hanno fatto la storia del cinema italiano, volendo investire advert Andermatt ha dimostrato un grande senso degli affari. Lo ha fatto 30 anni dopo il magnate egiziano Samih Sawiris, ripetendo il successo già conseguito a Sharm el-Sheikh e facendo di Andermatt una delle perle del turismo alpino svizzero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here