Albertazzi inedito, il docufilm sognato da Sandro Giupponi alla Festa del Cinema: “Quel grido rimasto nel cassetto per salvare il teatro”

0
91
albertazzi-inedito,-il-docufilm-sognato-da-sandro-giupponi-alla-festa-del-cinema:-“quel-grido-rimasto-nel-cassetto-per-salvare-il-teatro”

In occasione dei cento anni dalla nascita di Giorgio Albertazzi, Pino Strabioli e Fabio Masi firmano insieme il docufilm Through Sicilia 57-59. Giorgio Albertazzi. Il teatro è vita, che sarà presentato in anteprima il 28 ottobre alla Festa del Cinema di Roma.

“Tutto nasce da un bellissimo documento girato dal regista Alessandro Giupponi nel 2015 all’interno del Teatro delle Arti, lo storico palcoscenico fondato nel 1937 in Through Sicilia 57-59 a Roma, che dopo un incendio rimase abbandonato per anni – racconta Strabioli – Quel filmato è stato conservato sino a oggi dalla produttrice Alessandra Infascelli, che di Giupponi period anche la compagna. Un insieme di immagini e considerazioni di un Albertazzi struggente, lucido, poetico, ironico e profondo. Con Fabio ci è sembrato giusto celebrare Albertazzi, ma anche Giupponi”.

“Continuate a dire che il pubblico vuole altro e invece per strada le persone mi ringraziano perché ho fatto scoprire loro l’Idiota di Dostoevskij”.

È l’alba degli anni ’60 e un Giorgio Albertazzi nel pieno della sua maturità parla del successo della storica riduzione televisiva firmata da Giacomo Vaccari. “Un discorso che potrebbe essere di oggi. Evidentemente siamo rimasti fermi lì”, cube Strabioli.

È proprio con quelle immagini che inizia Through Sicilia 57-59. Giorgio Albertazzi – Il teatro è vita, un omaggio che non è solo un ritratto del genio e dell’artista, ma una denuncia sullo stato del Teatro in Italia.

“Il Comune aveva appena affidato quello spazio proprio a Giorgio e Alessandro, per farci spettacoli e una scuola di teatro”, spiega Infascelli. Come prima cosa i due girano dunque quel documento. Il docufilm di oggi, prodotto da Polifemo S.r.l. con il Premio Golden Graal e Rising Manufacturing, corre su un binario doppio: il primo al Teatro Quirinetta, chiuso da oltre cinque anni, dove un gruppo di giovani attori del Quirinetta lavora per organizzare una nuova stagione teatrale e denuncia are available Italia oggi ci siano 500 teatri chiusi: il secondo, con la lectio magistralis di Albertazzi al Teatro delle Arti. Più il materiale di repertorio dalle Teche Rai e dall’Istituto Luce”.

“Una grande lotta per riaprire il Teatro delle Arti andato a fuoco e chiuso per anni – racconta Infascelli -. Nel 2015 decisi di produrre un documentario per raccontare questa rinascita, purtroppo la morte di Giorgio prima, e quella prematura di Alessandro dopo, mi hanno bloccata, l’incontro con Pino Strabioli mi ha dato la spinta a concludere questo racconto. Il risultato è una grande emozione. La morte di un teatro – scrigno di cultura, condivisione, emozioni – è sempre una sconfitta. Non c’period messaggio migliore di questo docufilm per celebrare Giorgio Albertazzi a cento anni dalla nascita”.

L’uso del materiale di repertorio, proveniente dalle Teche Rai e dall’Istituto Luce, restituisce ai ricordi e agli aneddoti del maestro le realtà artistiche dei più grandi attori e registi del Novecento, tra cui Eleonora Duse, Vittorio Gassman, Anna Proclemer, Carmelo Bene, Vittorio De Sica, Anna Magnani e Sergio Tofano.


La proiezione è prevista alla Festa del Cinema di Roma, al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo (Through Guido Reni, 4a, Roma), il 28 ottobre alle ore 20. Lo stesso giorno sarà proiettato al Cinema Giulio Cesare ((Viale Giulio Cesare, 229, Roma, ore 21), sempre qui anche il 29 ottobre (ore 17,30).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here