Morto Tony Bennett, l’ultimo crooner d’America

0
75
morto-tony-bennett,-l’ultimo-crooner-d’america

È morto Tony Bennett, 96 anni, period l’ultimo crooner americano. Nella sua lunga carriera ha vinto, tra gli altri premi, 20 Grammy Awards e ha realizzato 100 album.

Colpito nel 2016 dal morbo di Alzheimer, Bennett aveva  continuato a esibirsi e registrare nonostante la sua malattia: la sua ultima esibizione pubblica nell’agosto di quell’anno, quando apparve con Woman Gaga al Radio Metropolis Music Corridor in uno spettacolo intitolato One Final Time.

173017530 3c22ff6b 1518 4bb3 b505 64e5eb518365 - Morto Tony Bennett, l’ultimo crooner d’America
(ansa)

Una vita in musica

La carriera di oltre 70 anni di Bennett è stata notevole non solo per la sua longevità, ma anche per la sua costanza. Bennett è considerato una delle voci più distintive e influenti della musica pop e jazz del XX secolo, una sorta di custode della classica canzone popolare americana. Dopo la morte di Dean Martin, Frank Sinatra e Perry Como, period considerato l’ultimo grande crooner americano.

Period nato a New York il 3 agosto 1926 da una famiglia di origini italiane: Anthony Benedetto (il suo vero nome) period uno dei tre figli di John Benedetto, un negoziante che nel 1906 period emigrato negli Stati Uniti da Podàrgoni, vicino a Reggio Calabria, e di Anna Suraci, una sarta che period nata negli Stati Uniti subito dopo l’emigrazione dei suoi genitori, anch’essi reggini, avvenuta nel 1899.

La carriera

La sua carriera musicale è iniziata negli anni 50. Dotato grande padronanza tecnica e una voce calda e affascinante che gli ha permesso di spaziare tra vari generi musicali, dal jazz al pop, vanta tra i suoi più grandi successi canzoni come I Left My Coronary heart in San Francisco, Fly Me to the Moon, The Good Life e Steppin’ Out with My Child. Ha inciso più di 70 album  e molte delle sue interpretazioni diventate vere e proprie icone della musica americana.

A differenza del suo idolo, Frank Sinatra, Bennett period troppo giovane per far parte della prima ondata del Nice American Songbook negli anni precedenti la Seconda Guerra Mondiale. Raggiunse il successo nazionale nei primi anni 50, ma fu una canzone pop che lo trasformò in una famous person nel 1962: I Left My Coronary heart in San Francisco, che divenne uno customary duraturo del ventesimo secolo ma finì per eclissare la popolarità del cantante che rese celebre il brano.

Bennett non ebbe un buon periodo negli anni 60, a causa delle case discografiche che cercarono di modernizzare il suo suono. Ebbe invece un periodo artisticamente fruttuoso negli anni 70 quando con la sua etichetta indipendente Improv registrò alcuni album con il pianista Invoice Evans che gli diedero credibilità nel campo del jazz.

Dopo un periodo di difficoltà negli anni 80, tornò sotto i riflettori negli anni 90, quando l’album Completely Frank (1992), un tributo a Frank Sinatra, raggiunse la vetta delle classifiche jazz di Billboard e ottenne il disco d’oro. La svolta di Bennett nel mainstream pop culminò con MTV Unplugged del 1994, cui parteciparono come ospiti Elvis Costello e ok.d. lang, un successo inaspettato che ottenne il Grammy per l’Album dell’Anno. Negli anni successivi Bennett mantenne il suo pubblico e lo ampliò attraverso una serie di duetti con star various come Woman Gaga e Diana Krall.

Le collaborazioni

Una delle caratteristiche distintive di Tony Bennett è la sua capacità di collaborare con artisti di various generazioni e generi musicali. Nel corso della sua carriera, ha duettato con molti altri grandi nomi della musica, tra cui Woman Gaga, Frank Sinatra, Amy Winehouse e Michael Bublé, solo per citarne alcuni.

Tra le collaborazioni più riuscite, quelle con Woman Gaga. Nel 2014, i due hanno registrato l’album Cheek to Cheek, dedicato al repertorio del jazz classico. Il progetto è stato un grande successo premiato con un Grammy Award nella categoria “Finest Conventional Pop Vocal Album”. 

Notevole anche il duetto per il brano Physique and Soul con Amy Winehouse, realizzato poco tempo prima della prematura scomparsa della cantante nel 2011, che ha ricevuto un Grammy Award come “Finest Pop Duo/Group Efficiency”.

Con Bocelli e McCartney

Tra le altre collaborazioni, registrate per la serie di album Duets, quelle con il crooner canadese Michael Bublé, con il quale ha duettato su alcuni classici del jazz e dello swing, con Paul McCartney per The Very Considered You, con Andrea Bocelli per Stranger in Paradise fuso con Core ‘ngrato nell’album Duets II e con Stevie Surprise presente in Duets: An American Basic del 2006 con For As soon as in My Life.

Nel 2016 Tony Bennett ha festeggiato il suo novantesimo compleanno con un concerto al Radio Metropolis Music Corridor che ha visto la partecipazione di molte stelle della musica come ok.d. lang, Woman Gaga, Michael Bublé e Andrea Bocelli. Ne è scaturito il reside intitolato Tony Bennett Celebrates 90. Seguito, nel 2018, da Love Is Right here to Keep, un album tributo a Gershwin con Diana Krall.

170546890 9688814f 8685 47d5 8d27 cfa5f2d2cc6d - Morto Tony Bennett, l’ultimo crooner d’America

Nel 2021 l’annuncio della malattia

All’inizio del 2021, Bennett ha rivelato alla rivista AARP che gli è stata diagnosticata la malattia di Alzheimer nel 2016. Costretto a smettere anche a causa della pandemia di COVID-19 il cantante ha deciso che period giunto il momento di ritirarsi. Cosa accaduta advert di agosto 2021, dopo due concerti al Radio Metropolis Music Corridor. A ottobre ha pubblicato Love for Sale, il suo secondo di duetti con Woman Gaga.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here