Donald Sutherland è morto. Dal Casanova di Fellini e il Novecento di Bertolucci a ‘Starvation Video games’

0
25
donald-sutherland-e-morto.-dal-casanova-di-fellini-e-il-novecento-di-bertolucci-a-‘starvation-video-games’

È morto Donald Sutherland, l’attore canadese, Oscar alla carriera che ha recitato in duecento movie da Quella sporca dozzina a MASH alla saga Starvation Video games. Nella sua lunghissima filmografia anche il Casanova di Fellini che ricordava con grande emozione e Novecento di Bertolucci. Aveva 88 anni. Lo annuncia il figlio Kiefer sui social, l’attore è morto a Miami. “Con il cuore pesante, vi dico che mio padre, Donald Sutherland, è morto. Personalmente lo ritengo uno degli attori più importanti della storia del cinema. Mai scoraggiato da un ruolo, buono, cattivo o brutto. Amava ciò che faceva e faceva ciò che amava, e non si può mai chiedere di più. Una vita ben vissuta”.

Nato a Saint John, New Brunswick (Canada), il 17 luglio 1935, Donald Sutherland è cresciuto nella piccola città di Bridgewater, in Nuova Scozia, dove a quattordici anni ha iniziato a lavorare come deejay. “La prima volta che sono entrato in una radio avevo 13 anni – raccontava a Venezia nel 2005 quando period venuto per il restauro del movie di Fellini – Ci sono andato con la scuola, con la mia classe, di solo 9 studenti. Vivevo in un piccolissimo paese canadese, 2mila persone e una stazione radio con tre studi. La maestra ci spingeva a fare domande e io, con estremo imbarazzo di tutti i miei compagni, ho chiesto: ‘ma come avete fatto a far entrare questo enorme piano attraverso questa piccola porta?’ Mi guardarono tutti come fossi stupido e io sono stato in imbarazzo per mesi. L’anno seguente sono entrato per chiedere scusa della figuraccia dell’anno prima e loro mi hanno chiesto ‘non ti andrebbe di lavorare per noi partime?’. All’epoca io avevo una bella voce. Mi pagavano 30 centesimi all’ora, sono stato disc-jockey, ho letto i notiziari e tutto mi pareva meraviglioso”.

Fellini100, torna il Casanova di Donald Sutherland

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - Donald Sutherland è morto. Dal Casanova di Fellini e il Novecento di Bertolucci a ‘Starvation Video games’

L’attore scopre la sua passione per il teatro mentre frequentava la Facoltà d’Ingegneria dell’Università di Toronto e ha tentato, senza successo, d’iscriversi alla London Academy of Music and Dramatic Artwork. Sutherland fa il suo esordio cinematografico in Italia, interpretando due ruoli nell’horror di Herbert Clever (Luciano Ricci) e Warren Kiefer (Lorenzo Sabatini) Il castello dei morti vivi (1964). Due anni dopo, interpreta Vernon L. Pinkley in Quella sporca dozzina (1967), di Robert Aldrich. Antimilitarista e rumoroso attivista contro l’intervento americano in Vietnam, Sutherland ottiene il suo primo grande successo personale grazie al ruolo dell’ufficiale medico Benjamin Franklin ‘Hawkeye’ Pierce nel movie di Robert Altman MASH (1970), ambientato durante la guerra in Corea. Nel 1971 è con Jane Fonda nel noir di Alan J. Pakula Una squillo per l’ispettore Klute e nel 1973 è John Baxter in A Venezia un dicembre rosso surprising, diretto da Nicolas Roeg.

193259393 7b94b42d 02f1 4d99 8e95 227c29bd84ea - Donald Sutherland è morto. Dal Casanova di Fellini e il Novecento di Bertolucci a ‘Starvation Video games’
(afp)

Dopo Il giorno della locusta (1975), di John Schlesinger, Sutherland incarna Giacomo Casanova nel Casanova di Federico Fellini (1976) e impersona il fascista Attila in Novecento (1976), di Bernardo Bertolucci. Più che il personaggio dell’eterno seduttore Sutherland period stato attratto dall’opportunità di lavorare con il grande maestro italiano. “Sul set mi diceva sempre: ‘cerca di accettare la realtà ma anche l’irrealtà’ – raccontava – Per me period piuttosto difficile perché allora ero un tipo piuttosto razionale. Ma le cinque settimane con lui, passate advert ascoltarlo, è stata una delle esperienze più belle della mia vita. E mi ha cambiato. Quando, poi, Federico mi ha chiamato a Roma per farmi vedere il movie montato è stato un momento molto commovente: ha preso la mia mano e mi ha detto questo è il mio lavoro migliore. Per me è stato un grande onore farne parte”.

195823625 334fc90e 51ea 4676 8577 5a2474a92b95 - Donald Sutherland è morto. Dal Casanova di Fellini e il Novecento di Bertolucci a ‘Starvation Video games’
(fotogramma)

Ha lavorato con Claude Chabrol in Rosso nel buio (1977); in Animal Home con John Landis; nel remake de L’invasione degli ultracorpi (Terrore dallo spazio profondo) di Philip Kaufman. Poi è stato nel solid del movie dello scrittore Michael Crichton, La grande rapina al treno (1979), in quello di Robert Redford, Gente comune (1980), ne La cruna dell’in the past (1981) di Richard Marquand, ne L’inverno del nostro scontento (1983) e ne I soliti ignoti made in Usa (1984) di Louis Malle. Negli anni ’90 vince un Golden Globe per Cittadino X, in cui interpreta un colonnello sovietico. Diretto da Clint Eastwood Sutherland è stato uno dei più che stagionati Area Cowboys (2000), intenti a salvare il pianeta dalla collisione di un satellite tv for pc in avaria.

In camper con Ella & John di Paolo Virzì

gif;base64,R0lGODlhAQABAAAAACH5BAEKAAEALAAAAAABAAEAAAICTAEAOw== - Donald Sutherland è morto. Dal Casanova di Fellini e il Novecento di Bertolucci a ‘Starvation Video games’

Per quel che riguarda la sua collaborazione con il cinema italiano oltre a due maestri come Fellini e Bertolucci nel 2002 ha partecipato al documentario del regista canadese Damien Pettigrew su Fellini: Fellini: sono un gran bugiardo; l’anno dopo è stato nel movie di Renzo Martinelli sul caso Moro, Piazza delle cinque lune (2003). Tra il 2008 e il 2011, Sutherland si ritrova a recitare in commedie brillanti. Lo vediamo in Tutti pazzi per l’oro (2008), Astroboy (2009) e Come ammazzare il capo e vivere felici (2011), stesso anno in cui interpreta Harry McKenna nell’motion Professione assassino e Aquila nel bellico romano The Eagle. L’anno successivo lo troviamo invece ne La migliore offerta di Giuseppe Tornatore, mentre nel 2017 è con Helen Mirren in Ella & John di Paolo Virzì, storia di due anziani che fuggono in camper per non affrontare la malattia.

201252520 676a172e 572b 4533 996a 183266a9f263 - Donald Sutherland è morto. Dal Casanova di Fellini e il Novecento di Bertolucci a ‘Starvation Video games’

Qualche anno fa diceva “Certo che ho ancora qualcosa da imparare. Intanto quello che nel frattempo mi sono dimenticato. Ed è per questo che voglio vivere 200 anni”. A duecento non è arrivato ma a duecento titoli sì compresa la miniserie western Lawmen – La storia di Bass Reeves dello scorso anno. Per quanto riguarda la vita privata, ha avuto come prima moglie Lois Hardwick, nel ’66 si è invece legato a Shirley Douglas. Dalla seconda moglie ha avuto due figli, i gemelli Rachel e Kiefer Sutherland, l’ormai noto e affermato attore con cui ha condiviso il set di Forsaken. Ma si è separato anche da questa. Dall’ultima moglie l’attrice franco-canadese Francine Racette ha avuto tre figli: Roeg, Rossif e Angus Redford.Tra i suoi fan più grandi il figlio Kiefer che solo pochi mesi fa ci diceva: “Mio padre ha fatto uno dei thriller migliori della storia del cinema secondo me, ovvero A Venezia… un dicembre rosso surprising diretto da Nicolas Roeg, poi c’è Gene Hackman che è stato sempre un riferimento per me, un altro modello per me è Michael Caine. Ecco se tieni a mente il lavoro di questi tre attori puoi fare piuttosto bene in questo mestiere”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here