Led Zeppelin, il ritorno al cinema con “The tune stays the identical”

0
86
led-zeppelin,-il-ritorno-al-cinema-con-“the-tune-stays-the-identical”

L’ultima immagine del concerto è il gong in fiamme dietro alla batteria di Bonzo, poi through con i titoli di coda. Del resto, come testimonia il movie The tune stays the identical che torna nelle sale cinematografiche italiane in versione rimasterizzata per tre sole date, il 25, il 26 e il 27 marzo, all’inizio del ’73 i concerti dei Led Zeppelin erano davvero infuocati. Anzi, lo erano proprio tutti i loro tour.

204557372 fe8fb324 f8c0 4625 80a0 e90cb2a85d5a - Led Zeppelin, il ritorno al cinema con “The tune stays the identical”

Quei tre present di high quality luglio al Madison Sq. Backyard di New York, ripresi per il movie, chiudevano il loro secondo tour americano, più di trenta date in cui gli Zeppelin batterono tutti i report di affluenza di pubblico che erano stati stabiliti dai Beatles. Un giro di concerti dai numeri incredibili e dall’atmosfera folle: per la information precedente quella di New York, al Kezar stadium di San Francisco, si erano riunite 50 mila persone, una fossa dei leoni in cui c’period un’aria di incontenibile gioia e di sfrenata dissolutezza e in prima fila perfino un tizio completamente nudo dipinto di verde, a parte la zona pubica, tinta di rosso.

Per realizzare le riprese del movie, il supervisor dei Led Zeppelin, Peter Grant, aveva assunto un giovane regista, Joe Massot, che aveva già filmato la band in concerto al Competition di Tub del 1970. Massot period volato appositamente da Londra per raggiungere la band a New York, giusto in tempo per i due primi present e per fare poi qualche ripresa nel backstage del concerto conclusivo del tour.

110511144 1150493d 792a 47e1 9b3a 2a10013ef0e2 - Led Zeppelin, il ritorno al cinema con “The tune stays the identical”
Robert Plant nei panni del cavaliere in ‘The tune stays the identical’ 

Tornati in Inghilterra, period stato deciso che il movie non sarebbe stato semplicemente un film-concerto, ma che avrebbe dato spazio a ognuno dei quattro membri della band con scene che secondo i piani dovevano essere “oniriche”: la sequenza con Robert Plant, advert esempio, fu girata al castello di Raglan in Galles e vede il cantante nei panni di un cavaliere che, in sella al suo cavallo bianco lanciato al galoppo, arriva per salvare una damigella in pericolo. Insomma, non c’è da stupirsi se all’inizio del ’74 la band giudicò la prima versione del movie confusa e sconclusionata.

Fu Jimmy Web page a chiedere che Massot venisse licenziato e la band lo ascoltò. Il regista australiano Peter Clifton, che prese il suo posto, scoprì che molte delle riprese originali realizzate da Massot nei concerti di New York erano inutilizzabili, tanto che dovette convincere la band a girare tutto da capo all’interno degli Shepperton Studios nel Surrey, con gli Zeppelin in playback sulle registrazioni, al contrario ottime, del Madison Sq. Backyard. Qualcuno ha notato che in alcune sequenze John Bonham appare più grasso di almeno una decina di chili, visti i due anni trascorsi.

110525802 462dc4cd a04b 45ac 9397 c444bc74e687 - Led Zeppelin, il ritorno al cinema con “The tune stays the identical”
Jimmy Web page in ‘The tune stays the identical’ 

Nonostante tutto questo, il movie mantiene un enorme fascino, risulta a tratti ipnotico, le esibizioni sono davvero elettrizzanti. Al momento di partire per il tour americano, la band aveva appena pubblicato il suo quinto album Homes of the holy che period subito schizzato primo sia negli Usa che nel Regno Unito e si apriva proprio con The tune stays the identical, uno dei loro brani più longevi. A testimoniare la forza e la purezza del loro rock c’erano brani come The ocean, dove la voce di Plant e la chitarra di Web page si intrecciano alla perfezione. Quel 27, 28 e 29 luglio 1973 si ascoltarono Rock and roll, Black canine, Stairway to heaven, Heartbraker, Entire lotta love, insomma alcune pietre miliari nella storia del rock’n’roll.

110505295 5d0bad77 6dcf 485b 88e0 0cf6c84afed7 - Led Zeppelin, il ritorno al cinema con “The tune stays the identical”
Robert Plant con la moglie Maureen in un momento del movie 

Jimmy Web page, Robert Plant, John Paul Jones e John Bonham sono in quel momento la più grande e influente rock band del mondo. Sul palco Bonzo e Jones sono il motore di una macchina perfetta, Plant una forza pronta a scatenarsi quando viene evocata da Web page, il vero deus ex machina della band, inventore di suoni stratificati e magmatici con le chitarre, che arriva a percuotere con l’archetto.

Nel movie si vede il loro aereo privato, The starship, l’astronave, il Boeing 720 con bar e digicam da letto con cui la band si spostava di città in città, e in cui cominciava le feste a base di coca. Ciò che nel movie non si vede, anche se si riesce a immaginare perfettamente, è cosa accadeva intorno a quella serie di concerti: “Quel tour fu una cosa veramente assurda”, ha raccontato Roy Harper, il cantautore amico della band che ne apriva i concerti americani. “A volte nel backstage succedevano cose alquanto inadeguate, una roba davvero micidiale”.

110518126 27db889d 3619 426a 865a a374b2a5b128 - Led Zeppelin, il ritorno al cinema con “The tune stays the identical”
John Bonham in un momento del movie 

Se ne ricordano bene anche al Riot Home, l’resort di Los Angeles in cui la band faceva base all’inizio del tour: il 31 maggio, per il suo 25esimo compleanno, la band regalò a Bonzo una Harley Davidson. Ricorda Harper: “C’period gente che gettava roba dalle finestre e Bonzo, assieme advert altri, se ne andava per i corridoi dell’albergo in sella alla sua moto”. Alcuni membri della crew avevano combattuto in Vietnam, forse il Riot Home glielo ricordava un po’.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here