Mostra Venezia, torna la sala net: su MyMovies i movie in contemporanea con il Lido

0
180
mostra-venezia,-torna-la-sala-net:-su-mymovies-i-movie-in-contemporanea-con-il-lido

Per il dodicesimo anno La Biennale di Venezia organizza la Sala Internet della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, che quest’anno presenta on-line i tre lungometraggi di Biennale Faculty–Cinema, il laboratorio internazionale per la realizzazione di lungometraggi a microbudget che ha festeggiato nel 2022 il suo decennale, e otto cortometraggi della sezione Orizzonti (questi ultimi accessibili gratuitamente).

Sono titoli in prima mondiale della Selezione ufficiale dell’80esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (30 agosto – 9 settembre 2023), le cui proiezioni si terranno in streaming, in contemporanea con le presentazioni ufficiali dei movie al Lido, con una capienza limitata. Si tratta di un’opportunità speciale per scoprire opere brevi rappresentative delle più modern tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale, e lungometraggi di registe e registi internazionali emergenti, alla loro opere prima o seconda.

Cortometraggi

Gli otto cortometraggi, disponibili gratuitamente in tutto il mondo, saranno visibili dal sito www.labiennale.org, con proiezioni collocate per conto della Mostra sul sito operato da Pageant Scope (www.festivalscope.com). 

181703329 347361dd 7cbc 4d41 a54d f4bafb394d0a - Mostra Venezia, torna la sala net: su MyMovies i movie in contemporanea con il Lido

‘Lumbrensueño / Firedream’ di José Pablo Escamilla 

 

Lungometraggi

I tre lungometraggi, limitati al territorio italiano, della sezione Biennale Faculty Cinema dell’80. Mostra, saranno visibili dal sito www.labiennale.org sul sito operato da MyMovies all’indirizzo www.mymovies.it/ondemand/biennalecinema/ della piattaforma streaming Biennale Cinema Channel.

I tre lungometraggi di Biennale Faculty – Cinema, realizzati a seguito dell’11esima edizione 2022-2023, sono l’italiano L’anno dell’uovo / The Yr of the Egg di Claudio Casale (opera prima), l’ungherese Árni di Dorka Vermes (opera prima) e il messicano Lumbrensueño / Firedream di José Pablo Escamilla (opera seconda).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here